Storia della Compagnia


Radici storiche

Le radici storiche di Los Filonautas si trovano nelle compagnie della Commedia dell'Arte, dei Saltimbanchi e dei piccoli circhi, che si aggiravano liberamente per le piazze, nelle feste e nelle fiere nei secoli scorsi fino a non tanto tempo fa.

La storia particolare della Compagnia parte in Germania nel 1988 con un primo viaggio in carrozzone trainato da un trattore.

Mettersi in viaggio era il fine principale dell'impresa: lasciare il proprio luogo per scoprire altro, viaggiare con la propria casa, portare uno spettacolo per creare uno scambio, incontrare gente e conoscerla.
Portare notizie e nozioni da un altro mondo, in cui si erano create le forme artistiche del teatro di strada, la giocoleria, l'acrobatica e l'equilibrismo.

Lo spettacolo e la musica nascevano così all'interno della vita dei viaggiatori per garantirne la continuità e come necessaria espressione dell'energia vitale.
Dopo il primo viaggio segue il secondo, che porta in Italia (e che, in qualche modo tutt’ora continua).

Nel 1990 inizia una collaborazione con il “Circo Bidone” d'origine francese. Parenti di spirito, anche il Circo Bidone seguiva l'idea di portare lo spettacolo al di fuori dei circuiti culturali, girando per paesi e piccoli centri.

Dopo il circo, “Valentin”, si aggira di nuovo nelle piazze, come "L'Astronauta" esplorando soprattutto il centro/sud d'Italia, lavorando “a cappello”.

Nel corso degli anni prendevano vita numerosi collaborazioni e scambi artistici, altrettanto numerose le creazioni presentate al pubblico che hanno fatto sì, che adesso “La Compagnia Los Filonautas” è conosciuta, apprezzata e richiesta in tantissimi festival ed iniziative.
Dopo il “Circo Bidone” e oltre allo spettacolo come solista: “Andreas, l'astronauta”, altre creazioni sono:

1992/ 1993: il Filo Forte, compagnia di saltimbanchi di Forte Prenestino, Centro Sociale Occupato ed autogestito;

1995/ 1996: la White Houses Band, Banda di teatranti e musicisti di Strada;

1996/ 1997: “Granpan”, spettacolo comico con Albert o' Grampied, dove viene inserito per la prima volta il numero su filo teso;

1998: con il duo Art de Pazz: “L'altra luna del professor Pernaque”;

1999: “La Banda dell'Oca”, commedia contemporanea con il Teatro del Mattacino e Claudia Formica;

2001/ 2002: “Il concerto cosmico”, le grazie e le disgrazie della diva “Rosaura” ed il suo inserviente “Giovanni” con Silvia Poggianti;

2003/ 2004/2005: “Il viaggio nello Spazio”, le avventure del professor Zweistein e la sua assistente Miss Torretta con Franca Pampalon

2007 Inizio del Progetto “Los Filonautas” , e della creazione “Naufraghi per Sceltà”, con Soledad Prieto, Argentina. Uno spettacolo di circo/teatro in due, quasi interamente sul Filo Teso.

2008/2009 Tournee di “Los Filonautas” in Macedonia, Montenegro, Croatia, Italia, Svizzera, Austria, Francia e Germania

2010 lavoro di regia conclusiva su “Naufraghi per Sceltà” con Giovanni Dispenza